la prima invenzione ecofriendly 1985


  L’ASPIRA ACQUA PER CAPELLI ......LA SUA STORIA E I SUOI PERCHE’:
Un parrucchiere di Montebelluna in prov. di Treviso si rende conto che i capelli dopo il risciacquo hanno ancora dei residui di sostanze chimiche ...ai tempi si pensava a semplici residui di shampoo che con l’asciugatura potevano rendere i capelli della cliente più opachi.
Ecco che nasce l’idea di fare quello che un asciugamano fa in maniera passiva : assorbire l’acqua residua attraverso l’aspirazione .
 Penso’ che il potere assorbente dell’asciugamano si affievolisce con l’uso e alla fine essendo saturo non riesce ad assorbire completamente l’acqua e i suoi residui.
 Inoltre ai tempi era ancora in voga la permanente ed era necessario eliminare completamente i residui di acido dal capello per ottimizzare il fissaggio.
ECCO L’IDEA INNOVATIVA di utilizzare un apparecchio che aspirasse l’acqua dalla testa . Ovviamente non poteva essere un semplice aspiratore ma doveva avere degli accorgimenti adatti a quel tipo di uso . Nasce il primo aspiratore del tutto artigianale per testare se l’idea poteva avere un seguito economico.
 In questo periodo ci si accorge anche che uno degli effetti collaterali del Nuovo oggetto è quello di far dimezzare l’uso degli asciugamani ... anzi ci si rende proprio conto che siccome molte volte si utilizzano più di un asciugamano a cliente il risparmio era molto superiore della metà e che un oggetto così un parrucchiere se lo ripagava in poco più di 6 mesi. Il mercato confermò la validità del sistema.
Aprì cosi la prima ditta di nome ZIZA SYSTEM e siccome aveva la passione del volo libero li chiama con il nome dei venti: Scirocco, Ghibli, Bora....
Nel 1985 Ziza System crea e industrializza il nuovo SCIROCCO. Un oggetto per i tempi ben fatto in cui erano adottati tutti quegli accorgimenti che l’esperienza fatta fino a quel momento aveva suggerito. Furono utilizzate tutte le migliorie allora offerte dallo stato dell’arte.
Con il tempo iniziammo a capire che il problema dei residui chimici sui capelli non era solo legato agli shampoo, ma a tutta una serie di sostanze chimiche che per forza di cose devono essere utilizzate per acconciare i capelli.
 Queste sostanze oggi si sono rivelate anche pericolose per la salute dei parrucchieri stessi (oggi se ne ha la conferma della loro pericolosità) e soprattutto alcune di queste sono cancerogene ...eh si... possono provocare a lungo andare dei tumori agli operatori.
Sono sostanze censite dall’organismo IARC (istituto Internazionale Ricerca sul cancro) e censite con varie sigle e almeno 49 possono provocare tumori....l’ammoniaca è uno dei problemi non il problema del colore ... Ci accorgiamo che nel raccoglitore dello Scirocco finiscono queste sostanze (non si sapeva ancora che erano cosi pericolose) e siccome non era ispezionabile ed apribile lo ritenemmo poco sicuro.
 Non si riusciva a pulire a dovere il raccoglitore e si potevano formare delle incrostazioni di sostanze pericolose ...e siccome l’aria che viene aspirata poi viene rimessa nell’aria lo ritenemmo non più idoneo ad essere utilizzato. Inoltre il tubo flessibile per la sua forma (non era liscio al suo interno) poteva trattenere queste sostanze.
 Lo stesso progetto era diventato vecchio e non poteva più essere aggiornato neanche nell’impianto elettrico e nelle altre problematiche riscontrate nel tempo. Nel 1993 dopo aver analizzato lo SCIROCCO e visto l’impossibilità di migliorarlo decidemmo di chiudere l’azienda e abbandonare il progetto SCIROCCO per iniziarne uno nuovo più evoluto e in linea con le nuove tecnologie . Nel tempo nonostante il buon progetto Scirocco ziza system dimostrò queste carenze: - Cassetto raccoglitore NON apribile completamente avvitato non ispezionabile e non igienico Errore grave del progetto Scirocco fatto ingenuamente a causa dell’inesperienza a quel tempo - Problema di nebulizzazione sostanze chimiche trattenute nel cassetto non apribile - Forma Ingombrante e non adatta a stare tra i lavateste con rischio di inciampare - Plastica di spessore doppio del normale per un errore di progettazione oggi non ecologico - Tubo che si tagliava non liscio internamente che tratteneva lo sporco, non igienico - Interruttore che si ossidava facilmente in posizione non idonea - Galleggiante bloccava solo l’aspirazione e non spegneva il motore - Bocchetta aspirazione con feritoia che tendeva ad attorcigliare i capelli .
 Nel 1995 dopo aver verificato la possibilità apriamo la nuova attuale ditta ed iniziamo la progettazione che dura 2 anni della nuova ELETTROSALVIETTA . Questa nasce dall’esperienza avuta fino ad ora e per prima cosa vogliamo che non abbia i problemi di IGIENICITA’ che il vecchio Scirocco dava .
Quindi per prima cosa il cassetto raccogli acqua doveva essere ispezionabile e apribile ....il cassetto doveva invogliare alla pulizia anche i parrucchieri più sporchi (non Pochi) e quindi è stato realizzato in materiale trasparente per vedere meglio eventuale sporco. I tubi sono di un materiale nuovo che ai tempi non esisteva antitaglio e con interno liscio . Doveva essere stretto per stare tra i lavateste. inoltre doveva avere delle sicurezze elettriche serie (visto l’ambiente dove si lavora è bagnato): Il galleggiante oltre a bloccare l’aspirazione della macchina agisce sul microswitch spegnendo il motore nel massimo rispetto delle norme Cee.
 Doveva avere inoltre una scheda elettronica di tipo digitale con microprocessore in modo da ottimizzare i consumi. Ecco che la scheda spegne la resistenza dopo 13 sec . Ha inoltre un soffisticato sistema di accensione che non da picchi di consumo chiamato SOFT START SYSTEM molto importante per i consumi e le immissioni di Co2 nell’ambiente.
Dopo 3 minuti di uso continuo la macchina si spegne in automatico per limitare gli usi impropri. L ‘accensione avviene con interruttore a pedale con un piccolissimo segnale. ABBIAMO INOLTRE L’IMPEGNO DI MANTENERLO AGGIORNATO CON LA TECNOLOGIA ATTUALE E COSI REALIZZIAMO L'EVOLUZIONE NECESSARIA L'ASPIRA ACQUA PER CAPELLI CHEMICAL-EX GREEN KEY PER ELIMINARE I RESIDUI CHIMICI DAI CAPELLI
 Questo è il brevetto che forse ci da più soddisfazione dopo l’aver inventato l’aspira acqua per capelli . Era l’anello mancante per definire l’oggetto perfetto. Soprattutto in questo periodo in cui la sicurezza sul lavoro sta mettendo in evidenza la pericolosità dei prodotti per parrucchieri .
DIVENTANDO COSI un apparecchio completamente sicuro, non solo per la parte elettrica.
Ovviamente era L’EVOLUZIONE MANCANTE e come tale è stata brevettata.

TUTTI I NOSTRI APPARECCHI SONO ECOFRIENDLY
NOI USIAMO LE ULTIME TECNOLOGIE PER OTTIMIZZARE I CONSUMI E PER RIDURRE LE EMISSIONI DI CO2 NELL ARIA


.
Copyright © 2084 Hair-Tech s.r.l. - vic.  Villette 2 - 31040 Trevignano TV - North East Italy - E-mail: hair-tech@hair-tech.com | Design: templatemo